Itinerari turistici

TORRE GUACETO - 12Km 

torre guaceto mareLa Riserva naturale statale Torre Guaceto è una riserva naturale statale situata sulla costa adriatica dell'alto Salento, a pochi chilometri dai centri di Carovigno e San Vito dei Normanni e 27 km da Brindisi. Si estende per circa 1.200 ha presentando un fronte marino che si sviluppa per 8.000 mt. L’area è configurata come un rettangolo più o meno regolare, con una profondità media di 3.000 metri, attraversata e divisa dalla strada statale 379. I sistemi che si sviluppano a monte e a valle della strada statale sono profondamente diversi. A monte permane un sistema agricolo tipico della zona, posto in continuità con la copertura vegetale esterna alla Riserva. A monte, infatti, permane un sistema agricolo tipico della zona altosalentina, posto in grande continuità con la copertura vegetale esterna alla riserva. Grandi oliveti secolari attentamente mantenuti divisione degli appezzamenti e limitazione delle strade realizzate con muretti a secco di pietra locale ed ancora negli oliveti, terreni rossi, non coperti da vegetazione e non interessate da altre culture.  

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

OSTUNI - 18km

ostuniOstuni, rinomata meta turistica in provincia di Brindisi, il centro storico, raccolto in cima a un colle, risulta visibile in lontananza dalla costa, dalla pianura litoranea e dalle colline vicine, donando alla cittadina un aspetto suggestivo. Ostuni mare nel 2009 si aggiudica tre ambiti riconoscimenti: la "capitale dell'Altosalento" è tra le tredici località italiane premiate con le "Cinque Vele" di Legambiente e Touring Club; "Bandiera Verde" (primo posto), per le spiagge ideali per i bambini; e riconfermata "Bandiera Blu". Anche nel 2010 la Bandiera Blu e la Bandiera delle Cinque Vele di Legambiente sventolano sulla Città Bianca. Nel 2011, ancora una volta, vessillo blu, vessillo giallo e vessillo verde per Ostuni. La città è conosciuta in tutto il mondo come la "Città Bianca" per il fascino fiabesco del suo centro storico con le case dipinte di bianco. 

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

VALLE D'ITRIA - 30Km

VALLE D'ITRIA, è una porzione di territorio della Puglia centrale, a cavallo tra le province di Bari, Brindisi e Taranto. Il suo territorio coincide con la parte meridionale dell'altopiano delle Murge: in senso stretto è la depressione carsica che si estende tra gli abitati di Locorotondo, Cisternino e Martina Franca. La principale peculiarità della valle sono i trulli, tipiche ed esclusive abitazioni in pietra a forma di cono, le masserie e il paesaggio rurale in genere caratterizzato dall'elevato uso della pietra locale utilizzata per costruire muri a secco e dal terreno di colore rosso acceso, tipico della Puglia meridionale. Il toponimo "Itria" sembra derivare dal culto della Madonna Odegitria (in greco οδηγήτρια, cioè che indica la via) importato nel X secolo dall'impero bizantino.

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

MARTINA FRANCA - 38Km

MARTINA FRANCA, (anche solo Martina, Martène in dialetto martinese) è un comune italiano di 49 779 abitanti della provincia di Taranto, in Puglia. Nota per l'architettura barocca e il festival musicale della Valle d'Itria, sorge sulle propaggini meridionali della Murgia, al confine delle province di Taranto, Brindisi e Bari. Posta sulle colline sud orientali della Murgia, in una posizione che offre splendide vedute sulla Valle d'Itria, si trova ad un'altitudine di 431 metri s.l.m. e copre una superficie di 295 km², risultando al 39simo posto per ordine di estensione fra i comuni Italiani. Martina Franca, inoltre, risulta essere il comune non capoluogo più popoloso della Puglia a sud di Bari. La fauna è caratterizzata dalla presenza di lepri, volpi, ricci, pettirossi, falchi e diversi rapaci notturni (civetta, gufo, assiolo e barbagianni)

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

PORTO CESAREO - 50Km

Porto Cesareo

Situato sulla costa ionica della penisola salentina, rapprersenta un'importante località turistica del Salento ed è sede dell'Area Marina Protetta e della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e Duna Costiera. Il suo litorale è caratterizzato da tratti di baie e lagune con immense distese di sabbia dorata a piccolissimi granelli, limitate verso terra da un cordone dunale, bellissimo esempio di macchia mediterranea i cui esemplari arborei sono definite tra i più belli d’Italia ed inseriti negli habitat prioritari dell’U.E. La costa, connotata dalla presenza di numerosi promotori, isolotti e scogli, si articola in cale sabbiose alternate a tratti di scogliere basse. Il mare possiede caratteristiche fisiche e chimiche tipiche del Mediterraneo, con formazioni coralline e multicolori ed acqua eccezionalomente limpida. L’entroterra, collegato con il mare attraverso piccoli canali è punteggiato da antiche saline e paludi alimentate alla sorgente da numeose falle d’acqua dolce presenti nella zona. Il patrimonio storico e culturale del territorio è caratterizzato dlla presenza di diverse torri costiere di avvistamento, qalacune delle quali , oggi, sono della piena disponibvilità dei visitatori che da questi luoghi possono abbracciare con lo sguardo ampie vedute aeree marine e costiere. 

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

POLIGNANO A MARE - 60Km

PolignanoDi notevole interesse naturalistico sono le sue grotte marine e storicamente importanti sono il centro storico e i resti della dominazione romana. Tra questi ultimi il ponte della via Traiana, tuttora percorribile, che attraversa Lama Monachile, la profonda insenatura immediatamente a nord del centro storico. La chiesa Matrice, intitolata a Santa Maria Assunta e affacciata sulla piccola piazzetta cuore del centro storico, fu cattedrale fino al 1818, quando la piccola diocesi di Polignano fu aggregata a quella di Monopoli. All'interno sono custodite alcune opere attribuite allo scultore Stefano da Putignano, attivo tra il XVII e il XVIII secolo, come il noto presepe interamente in pietra. Nella frazione di San Vito, sulla costa a nord del paese, proprio a ridosso del porticciolo si staglia l'imponente complesso dell'abbazia dei Benedettini. Polignano offre un mare cristallino dalle moltissime sfumature, dodici chilometri di litorale con numerose grotte scavate nelle rocce: per questi motivi è definita dai turisti la "Perla dell’Adriatico". Il paesaggio marino della cittadina è caratterizzato da insenature e da grotte raggiungibili in barca, spesso fuse con le cantine delle abitazioni sovrastanti. Di particolare interesse, scientifico oltre che turistico, sono i fondali dell’incontaminato mare che si estende di fronte alla cittadina, meta ambita da parte di sub e amanti delle immersioni. La fertile campagna del comune è caratterizzata dalla presenza di lame, ricoperte dalla classica vegetazione mediterranea e dalla presenza di numerosi siti archeologici.

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<< 

 

LECCE - 60Km

LecceLa città di Lecce è nota per la ricchezza dei monumenti che la adornano, molti dei quali realizzati nel tipico stile barocco leccese. Significativi sono i fregi, i capitelli, i pinnacoli ed i rosoni che decorano molti dei palazzi e delle chiese della città (se ne contano oltre 40), come ad esempio il Palazzo dei Celestini e l'adiacente Basilica di Santa Croce, nonché la chiesa di Santa Chiara ed il Duomo. Il centro della città è racchiuso in mura di cinta risalenti al XVI sec., ma ormai in gran parte distrutte. La città presentava originariamente quattro porte di accesso: Arco di Trionfo (Porta Napoli), Porta Rudiae, Porta San Biagio e Porta San Martino. Di queste l'ultima non è più visibile in quanto crollata nel XIX sec.

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

ALBEROBELLO - 70Km

AlberobelloAlberobello rappresenta il cuore della Valle dei Trulli. Alberobello fu fondata nel XV secolo dai conti Acquaviva. Alberobello è un pittoresco centro agricolo e turistico formato in gran parte da trulli che gli conferiscono, oltre ad una vaga aria fiabesca, notevole interesse architettonico riconosciuto nel 1996 Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO. Nella sola Alberobello ci sono circa 1.500 trulli di vario tipo. Alberobello, città dei trulli, occupa un terreno ricco di rocce calcaree stratificate, che offrono il materiale di costruzione che rende unica non solo l'immagine della stessa Alberobello ma tutto il territorio prettamenete limitrofo ad Alberobello. L'immagine del trullo di Alberobello è da sempre associata alla Puglia, dove affonda le radici Alberobello, come una delle espressioni più tipiche della zona. 

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

 CASTELLANA GROTTE - 75Km

Grotte Castellana Le grotte di Castellana costituiscono il più grande complesso carsico italiano mai esplorato dall’uomo. La visita di snoda lungo uno scenario affascinante per circa 1 km. L’itinerario più lungo si sviluppa per tre km, tra caverne e voragini dai nomi mitologici e fantastici. Le Grotte di Castellana, scavate dall’azione di un antico fiume sotterraneo, sono formate da una serie di enormi voragini carsiche completamente ricoperte da stalattiti e stalagmiti e collegate tra loro da strettissimi corridoi che si estendono per circa un chilometro e mezzo, tanto da definire uno scenario sotterraneo senza uguali. La Chiesa Madre, dedicata a San Leone Magno, è situata al centro della città. A pianta medievale, al suo interno si possono ammirare numerosi affreschi predisposti sulle diverse facciate ed un altare dal notevole valore artistico. La Chiesa di S. Francesco, costruita intorno al ‘700, conserva oggi inalterate la struttura e la bellezza che la caratterizzano da sempre. Il Convento di S. Maria della Vetrana è un santuario francescano costruito in onore della Madonna, divenuta patrona della città per averla salvata dalla peste nel 1690. Degno di attenzione è anche il PARCO DEI DINOSAURI, che dà la possibilità di ammirare uno splendido museo all’aperto con animali a grandezza naturale, riprodotti fedelmente grazie all’analisi dei fossili ritrovati dai paleontologi su tutto il pianeta dal 1820 ad oggi, permettendo ai bambini di toccare con mano questo mondo così lontano e misterioso. 

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

GALLIPOLI - 95Km

GallipoliLa città è protesa sul mar Ionio ed è divisa in due parti: il borgo e il centro storico. Il primo è la parte più recente della città, costruita su una penisola che si protende nello Ionio verso ovest. Il centro storico, invece, si trova su un'isola di origine calcarea, collegata alla terraferma attraverso un seicentesco ponte ad archi. Di notevole importanza storico-naturalistica è l'Isola di Sant'Andrea, circa un miglio al largo del centro storico. Il centro storico di Gallipoli sorge su un'isola calcarea, collegata alla terraferma da un ponte in muratura del Seicento. Realizzati intorno al XV secolo, le mura e i possenti bastioni difesero la città dai numerosi attacchi nemici, in particolar modo dai pirati saraceni che a partire dal 1480 seminarono il terrore nel Salento. Il circuito delle mura venne ridimensionato nella seconda metà dell'Ottocento. L'abitato si sviluppa ai lati di un'asse principale costituito da via Antonietta De Pace. Le stradine e i vicoli tortuosi nascondono capolavori di architettura sacra e civile, specchio della ricchezza della città portuale. Lungo il perimetro delle mura, numerose chiese fronteggiano il mare a testimonianza dello stretto legame tra la fede e la vocazione marinara della città. Il cuore del centro storico custodisce la Concattedrale di Sant'Agata, splendido esempio del barocco leccese. Nei vicoli è facile imbattersi nei maestosi portali e le articolate facciate dei palazzi signorili del Cinquecento, del Seicento e del Settecento. Di grande valore per la comprensione della storia economica e sociale della città, è il maestoso frantoio ipogeo di Palazzo Granafei, un tempo luogo di produzione dell'olio lampante, esportato in molte città europee.

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

OTRANTO - 100Km

otrantoOtranto, splendida città del basso Salento si affaccia nello stretto da cui prende il suo stesso nome, “il Canale d'Otranto” situato a sud dell'Adriatico, nel punto più orientale d'Italia. La città, splendida realtà turistica della Puglia, vero e autentico patrimonio è conosciuta e apprezzata ovunque sia per le sue bellezze naturali che per quelle artistiche. Un susseguirsi di lunghissime distese dorate di sabbia finissima rendono Otranto così unica agli occhi di chi la visita, spiagge bagnate da acque trasparenti e limpidissime tanto da essere premiate con le 5 vele di Legambiente. Qui, poi, risiedono numerose strutture balneari e villaggi turistici, il tutto immerso nel caratteristico fascino della macchia mediterranea, fatta per lo più di pini marittimi ed in parte di vegetazione mediterranea, tipica di questa zona del Salento. E poi, i Laghi Alimini, a circa 8 km della città, vero e proprio elemento caratteristico dell’agro otrantino. Esso si compone di due laghi, Fontanelle (detto anche Alimini Piccolo) e Alimini Grande. Il primo è un lago di acqua dolce di origine carsica e alimentato dalle precipitazioni meteoriche e da diverse sorgenti dette appunto fontanelle, inoltre, è collegato ad Alimini Grande attraverso un canale denominato "lu Strittu", che lo va ad alimentare di acqua dolce.

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<

 

SANTA MARIA DI LEUCA - 130Km

santa maria di leucaSANTA MARIA DI LEUCA, tra Punta Meliso e Punta Ristola, dove l'Adriatico si fonde con lo Jonio, sorge la stazione balneare di Santa Maria di Leuca. Distesa in una dolce insenatura al riparo del promontorio che costituisce l'estrema punta dello « Sperone d'Italia », il Capo di Santa Maria di Leuca, appare come sospeso nel mediterraneo e proteso verso l'Oriente. La posizione geografica della città, favorendo il contatto con diverse popolazioni mediterranee, ha sviluppato una cultura ricchissima che si rispecchia nelle splendide ville dai nomi esotici, come La Navata e Regno Ottomano, e nelle loro torrette e motivi moreschi. Santa Maria di Leuca consente al turista di ripercorrere una lunga storia di fede dove s'intrecciano ricordi cristiani e pagani. Esempio emblematico è il Santuario di Santa Maria di Leuca, o De Finibus Terrae, risalente ai primi anni del cristianesimo e costruito probabilmente su un antico tempio della dea Minerva.

>>> Ulteriori informazioni su Wikipedia <<<